23
Set

COSTI AUTO AZIENDALE: LA GUIDA ALLE DEDUZIONI CHE TI SPETTANO

E’ risaputo che a fini IVA è ammessa la detrazione forfetaria dell’imposta nella misura del 40%, non tutti sanno che i costi sostenuti per i veicoli destinati ad uso aziendale o concessi in uso promiscuo al dipendente sono deducibili dal reddito d’impresa in percentuali diverse a seconda dell’uso

che viene fatto dell’auto. Ecco quindi una guida per capire quali deduzioni spettano.

 

Deducibilità integrale

 

L’art. 164, comma 1, lettera a, D.P.R. n. 917/1986 identifica i mezzi di trasporto che danno luogo alla deduzione integrale dei costi sostenuti per gli stessi, quali, aeromobili da turismo, navi e imbarcazioni da diporto, autovetture ed autocaravan di cui alle lettere a) e m) del comma 1 dell’art. 54 del Codice della strada (D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285), ciclomotori e motocicli destinati ad essere utilizzati come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa e veicoli per il trasporto pubblico.

 

Per attività propria dell’impresa, il  Ministero delle Finanze ha chiarito che i beni in questione sono quelli impiegati esclusivamente come mezzo per l’esercizio dell’attività stessa. A titolo esemplificativo si tratta delle autovetture della scuola guida, quelle utilizzate dai tassisti.

 

Deducibilità limitata: veicoli aziendali

 

L’art. 164, lettera b), D.P.R. n. 917/1986 dispone che le spese relative alle autovetture,

autocaravan, ciclomotori e motocicli sono ammesse in deduzione nel limite del 20%.

 

Tale limite viene aumentato all’80% dei costi sostenuti per i veicoli utilizzati da soggetti

esercenti attività di agenzia o rappresentanza di commercio.

Inoltre, nel caso di esercizio di arti e professioni in forma individuale, la deducibilità delle spese in commento è ammessa nella misura del 20% limitatamente ad un solo veicolo. Se l’attività viene svolta da società semplici o associazioni di cui all’art. 5, D.P.R. n. 917/1986, la deducibilità delle spese è consentita soltanto per un veicolo per ogni socio o associato.

 

Beni strumentali all’attività dell’impresa 100%
Agenzie /rappresentanti di commercio 80%
Esercizio di arti e professioni in forma

individuale

 

20% limitatamente a un solo veicolo

 

Associazioni e/o società semplici 20% limitatamente a un solo veicolo per

socio

 

Uso promiscuo 70%

 

Per gli autoveicoli di cui all’art. 164, lettera b), le citate percentuali non si applicano sul costo

sostenuto per l’acquisto, ma sul costo riconosciuto come fiscalmente rilevante nel limite di:

 

  1. a) 18.075,99 euro per le autovetture;
  2. b) 25.822,84 euro per le autovetture utilizzate da agenti o rappresentanti di commercio;
  3. c) 4.131,66 euro per i motocicli;
  4. d) 2.065,63 euro per i ciclomotori.

 

Anche i veicoli in leasing soggiacciono agli stessi limiti di deducibilità, essendo che la quota

di canone di leasing proporzionale al costo di un veicolo non può essere superiore alle soglie

suddette.

 

Deducibilità limitata: veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti

 

L’art. 164, comma 1, lettera b-bis), D.P.R. n. 917/1986 dispone che le spese relative ai veicoli dati in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d’imposta sono ammesse in deduzione nella misura del 70% del loro ammontare.

 

L’attribuzione del veicolo ad un dipendente dev’essere provata con certezza in base ad idonea documentazione, ad esempio con la previsione in un verbale societario, con la sottoscrizione di una scrittura privata con data certa, oppure prevedendo un’apposita clausola nel contratto di lavoro.

 

Per quanto riguarda i veicoli dati in uso promiscuo all’amministratore, i canoni di leasing

possono essere dedotti ai sensi dell’art. 95, comma 5, D.P.R. n. 917/1986 (per cassa) per la parte

del loro ammontare non eccedente il compenso in natura dell’amministratore determinato sulla base del valore normale.

 

 

Detrazione IVA

 

L’art. 19-bis 1 del D.P.R. n. 633/1972 regola la detraibilità dell’IVA relativa ai costi di veicoli stradali e delle relative spese e la ammette nel limite del 40% per tutti i veicoli a motore, diversi dai trattori agricoli o forestali, normalmente adibiti al trasporto stradale di persone o beni la cui massa massima autorizzata non supera 3.500 Kg e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non è superiore a otto che non sono utilizzati esclusivamente nell’esercizio dell’attività di impresa o della professione.

 

Tale limite del 40% non opera per i veicoli ad uso esclusivo dell’attività del soggetto passivo, che può di computare integralmente in detrazione l ’imposta, fermo restando, in tal caso, l’onere probatorio dell’inerenza totale.

 

È ammessa in detrazione anche l’IVA relativa alle prestazioni di servizi relative ai veicoli, alla

custodia, manutenzione e riparazione, transito stradale, nonché all’acquisto di carburanti e

lubrificanti, nella stessa misura in cui è ammessa in detrazione l’imposta relativa all’acquisto o all’importazione del veicolo.

 

Per ogni altra info in merito vi invitiamo a sottoporci il vostro quesito al seguente indirizzo mail: info@kreaco.com.

 

 

La redazione di Krea & co srl

Michela Falco

 Come risolvere con un vicino di casa molesto