Via libera al riconoscimento del contributo a fondo perduto per la riduzione dell’importo del canone di locazione per i locatori.

Da oggi e fino al 6 settembre 2021 è possibile utilizzare il software per inviare online al fisco l’istanza di richiesta del contributo a fondo perduto da erogare al locatore che, nel corso del 2021, ha proceduto alla rinegoziazione in diminuzione del canone di locazione.
Il contributo massimo spettante di 1.200 euro, introdotto dal decreto legge “ristori” (Dl n. 137/2020), è previsto per ciascun locatore, indipendentemente dal numero di contratti rinegoziati e spetta in presenza di tutte le condizioni di seguito descritte:

• La locazione deve avere una decorrenza non successiva al 29 ottobre 2020 e deve risultare in essere alla predette data; quindi, se il contratto ha una decorrenza, “data inizio” dal 30 ottobre 2020 in poi, in caso di rinegoziazione, non può essere richiesto il contributo

• L’immobile deve essere adibito a uso abitativo (tipologia di contratto L1, L2, o L3) e situato in un come ad alta tensione abitativa e, inoltre, deve costituire l’abitazione principale del conduttore.

• Il contratto di locazione deve essere oggetto di rinegoziazione in diminuzione del canone da parte o tutto l’anno 2021

• La rinegoziazione con riduzione del canone va comunicata all’Agenzia delle entrate tramite il modello Rli entro il 31 dicembre 2021

• La rinegoziazione deve avere una decorrenza pari o successiva al 25 dicembre 2020 ( giorno di entrata in vigore della norma

Lascia un commento