Decontribuzione per tre anni sulle assunzioni 2022 di apprendisti di primo livello nelle piccole aziende: istruzioni INPS per l’incentivo in Manovra.

Operativo l’incentivo 2022 alle assunzioni in apprendistato di primo livello, in piccole aziende fino a nove dipendenti al momento dell’assunzione: se successivamente cresce il numero di occupati dell’impresa, l’incentivo continua comunque ad essere applicato.

Vediamo i dettagli.

Incentivi apprendistato 2022: come funziona

Guida al contratto di apprendistato, Si tratta della decontribuzione al 100% .

Dopo tre anni di sgravio totale, a partire dal 37esimo mese l’aliquota contributiva a carico del datore di lavoro resta comunque ridotta al 10% dell’imponibile previdenziale e, su queste assunzioni agevolate non si applicano: il contributo di licenziamento (ARTICOLO 2, COMMI 31 E 32, DELLA LEGGE 92/2012); il versamento della contribuzione di finanziamento dell’ASpI; il contributo integrativo dell’1,6%.

Se il lavoratore ha già svolto periodi di apprendistato presso altri datori di lavoro, lo sgravio contributivo non dura 36 mesi ma si applica solo per il periodo residuo rispetto ai tre anni incentivati. Esempio: in presenza di un anno di apprendistato presso un’altra azienda, l’agevolazione si applica per 24 mesi.

L’aliquota a carico del lavoratore è del 5,84% per tutto il periodo dell’apprendistato e per l’anno successivo.

Requisiti per PMI che assumono

Per quanto riguarda i requisiti dell’azienda, il datore di lavoro deve essere in regola con il DURC e, in caso contrario, deve restituire l’agevolazione o versare il corrispondente di tutti gli sgravi contributivi applicati. Nel computo dei 9 dipendenti rientrano gli assunti:

  • a tempo indeterminato
  • a orario pieno e parziale,
  • con contratti a termine,
  • intermittenti,
  • dirigenti,
  • Si calcolano i dipendenti in forza negli ultimi due anni mentre restano esclusi gli apprendisti e i lavoratori somministrati,
  • CIG anche per apprendisti

Contratto di apprendistato: calcolo stipendio netto

I lavoratori assunti in apprendistato a cui si applica l’agevolazione hanno anche diritto alla cassa integrazione, nel caso in cui venga utilizzata dall’azienda. Dal 2022, infatti, il sostegno al reddito è garantito a tutti i subordinati, anche con una minima anzianità di lavoro, compresi apprendisti e lavoratori a domicilio.