Esonero dal versamento dei contributi previdenziali per assunzioni a tempo indeterminato di beneficiari del trattamento straordinario di integrazione salariale.

50% DELL’AMMONTARE DEL TRATTAMENTO STRAORDINARIO DI INTEGRAZIONE SALARIALE DEL LAVORATORE PER UN MASSIMO DI 12 MESI

A CHI SPETTA?

Ai datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato il beneficiario del trattamento straordinario di integrazione salariale.

Il contributo spetta ai datori di lavoro privati che, nei sei mesi precedenti l’assunzione, non abbiano proceduto a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo o a licenziamenti collettivi nella medesima unità produttiva.

Qualora nei sei mesi successivi all’assunzione, il lavoratore assunto venga licenziato oppure venga disposto il licenziamento collettivo o individuale per giustificato motivo oggettivo di un lavoratore impiegato nella medesima unità produttiva e inquadrato con gli stessi livelli e categoria legale dello stesso, detto contributo sarà revocato e quanto già erogato dovrà essere recuperato.

QUANTO?

Consiste in un contributo mensile pari al 50% dell’ammontare del trattamento straordinario di integrazione salariale che sarebbe stato corrisposto al lavoratore.

DURATA?

Il contributo è concesso per ogni mensilità di retribuzione corrisposta al lavoratore, per un massimo di 12 mesi.

Siamo in attesa delle circolari/note esplicative dell’INPS in merito alle modalità operative per la fruizione dell’incentivo.