La legge di Bilancio 2022 appena approvata proroga fino al 2024 il Bonus Verde ossia la detrazione fiscale al 36% sulle spese per la sistemazione a verde di aree scoperte di immobili privati a uso abitativo con tetto di spesa fino a 5.000 euro l’anno per una detrazione massima di 1.800 euro.

Il Bonus Verde spetta per interventi sui propri immobili ed anche sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali. Di seguito gli interventi per cui e’ ammissibile la detrazione irpef al 36%:

  • Sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze e recinzioni;
  • Impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
  • Realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili;
  • Lavori di progettazione e manutenzione connessi gli interventi

Le spese devono essere documentate ed effettuate con strumenti tracciabili;

le spese devono essere sostenute dai richiedenti che detengono anche l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi.

Per lavori condominiali, la detrazione spetta al singolo condominio per la quota spettante, con versamento al condominio entro la scadenza per la dichiarazione dei redditi. La detrazione è poi ripartita in dieci quote annuali di pari importo.