FISCO, DAL 15 OTTOBRE TORNANO I PIGNORAMENTI. QUALI BENI SONO A RISCHIO

Il 15 ottobre finisce la tregua concessa dal Fisco per chi non ha ancora saldato il conto delle cartelle esattoriali e ripartono le attività di riscossione forzosa

Con la fine dello stato di emergenza Covid, il 15 ottobre finisce anche la tregua concessa dal Fisco per chi non ha ancora saldato il conto delle cartelle esattoriali. Ciò significa che da quel giorno terminerà il divieto di notifica delle cartelle di pagamento e riprenderanno tutti gli accertamenti esecutivi di Agenzia Entrate-Riscossione. Via libera anche alle ingiunzioni fiscali emesse dagli Enti locali, cioè Regioni e Comuni, sui loro tributi, come il bollo auto, l’Imu o la Tari.

CEDERE IL SUPERBONUS ALLA BANCA: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Due diverse opzioni

 Nelle ultime settimane molte banche si stanno attivando per offrire ai propri clienti questo percorso previsto dalle normative, anche se per ora sono ancora relativamente poche quelle che hanno messo nero su bianco le condizioni. L’elemento in comune un po’ a tutte le banche è che l’offerta è, in realtà, duplice.

Da un lato, c’è la “sola” cessione del credito d’imposta, dall’altro lato invece la cessione del credito d’imposta è affiancato da un prestito vero e proprio.

BONUS PC E TABLET PUÒ ARRIVARE A 2.000 EURO: CHI PUÒ RICHIEDERLO

La cifra massima di 2.000 euro è stata pensata solo per le imprese, mentre per le famiglie l’agevolazione andrà dai 200 ai 500 euro in base all’Isee.

È in arrivo il bonus pc e tablet, che consentirà a migliaia di famiglie italiane di ottenere un rimborso economico destinato agli acquisti effettuati per nuovi pc, tablet o per l’utilizzo di servizi per l’accesso Internet.