Aggiornato il modello per la comunicazione della cessione del credito

È ora concretamente possibile cedere il credito locazioni anche per i mesi da luglio a dicembre ed è possibile comunicare la cessione tramite intermediario.

Lo consente il provv. Agenzia delle Entrate 14 dicembre 2020 n. 378222, che ha aggiornato il modello per la comunicazione della cessione del credito locazioni.

Il provvedimento era molto atteso, in quanto configurava l’ultimo “tassello” mancante per la completa operatività del credito locazioni.

Si ricorda che il credito d’imposta sui canoni di locazione di immobili ad uso non abitativo, come originariamente introdotto dall’art. 28 del DL 34/2020, consente, a determinare condizioni, di accedere ad un credito d’imposta nella misura del 60% del canone di locazione (o del 30% del canone di affitto di azienda) versato con riferimento ai mesi di marzo, aprile, maggio 2020 (aprile, maggio e giugno 2020 per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale).

Il credito d’imposta può essere utilizzato in compensazione nel modello F24 (codice tributo “6920”), oppure essere utilizzato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa; inoltre a norma dell’art. 122 del DL 34/2020, il credito può essere ceduto, anche parzialmente, ad altri soggetti, compresi istituti di credito o il locatore stesso. In quest’ultimo caso occorre pagare solo la differenza tra canone dovuto e credito d’imposta (art. 28 comma 5-bis del DL 34/2020 convertito).

Perché la cessione del credito d’imposta sia efficace, è necessario che essa sia comunicata dal cedente all’Agenzia delle Entrate mediante apposito modello: dal giorno lavorativo successivo alla comunicazione della cessione, previa accettazione comunicata dallo stesso cessionario attraverso il sito dell’Agenzia, il cessionario può utilizzare il credito in compensazione tramite F24 (codice tributo “6931”).

Il modello per la comunicazione della cessione del credito d’imposta era stato originariamente approvato dal provv. 1° luglio 2020 n. 250739 e contemplava la possibilità di cedere il credito fino al mese di giugno.

Successivamente, però, con il decreto “Agosto” l’estensione temporale del credito d’imposta locazioni è mutata, in quanto all’art. 77 del DL 104/2020 ha esteso il credito:

  • ai mesi di giugno 2020 e (per gli stagionali) luglio 2020;
  • per le imprese turistico ricettive “fino al 31 dicembre 2020”.

Le norme del “decreto Agosto” sono divenute efficaci con la deliberazione della Commissione europea 28 ottobre 2020 C(2020) 7595, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità europea il 13 novembre 2020, ma il modello per la cessione non è stato aggiornato.

Ancora, l’art. 8 del DL 137/2020 (DL “Ristori”) e l’art. 4 del DL 149/2020 (DL “Ristori-bis”) peraltro destinati a confluire in un unico provvedimento normativo, assieme al Ristori-ter e al Ristori-quater, grazie al maxiemendamento interamente sostitutivo del Ddl. di conversione del decreto Ristori su cui il Governo ha posto la fiducia al Senato – hanno esteso la possibilità di accedere al credito d’imposta sui canoni di locazione, come previsto dall’art. 28 del DL 34/2020, ad alcuni specifici soggetti, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi  registrato nel periodo di imposta precedente, con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre (a condizione che, per ogni mese, sussista la condizione del calo del fatturato, salvo operino le eccezioni di legge).

Pertanto, i soggetti che avessero diritto al credito d’imposta a norma dei decreti “Ristori” e “Ristori-bis”, potevano utilizzarlo in compensazione, ma non potevano, finora, cederlo, in quanto il modello di comunicazione della cessione non era aggiornato e non conteneva i mesi successivi a giugno. Lo stesso valeva per le imprese turistico ricettive, cui il credito spettava, già in base al decreto “Agosto”, per tutti i mesi da marzo a dicembre 2020.

Il provv. Agenzia delle Entrate 14 dicembre 2020 n. 378222 ha posto fine a  tale lacuna aggiornando il modello per la comunicazione della cessione dei crediti e consentendo la cessione anche per i mesi da luglio a dicembre 2020.

Il nuovo modello può essere utilizzato, in luogo al “vecchio” modello, approvato a luglio, a decorrere dal 14 dicembre 2020.

Si ricorda che la comunicazione dell’avvenuta cessione dei crediti d’imposta va inviata tra il 13 luglio 2020  e il 31 dicembre 2021.

Inoltre, il provvedimento consente finalmente di inviare la comunicazione dell’avvenuta cessione dei crediti d’imposta locazione (art. 28 del DL 34/2020) e “botteghe e negozi” (art. 65 del DL 18/2020) avvalendosi di un intermediario abilitato.

Siamo a vostra disposizione per ogni approfondimento al tema trattato.

Lascia un commento